giugno 2012

Diario dell'ex fumatore Cugusi: i primi quattro giorni without smoking

Senza la sigaretta il mondo è diverso. Lo ammetto. Ma non è detto che sia meno interessante.  Intanto è iniziato il quarto giorno pieno da quando con gesto atletico, polso che ruota a canestro, ho lanciato nel cestino del medico che mi aveva appena visitato il pacchetto di Camel One giunto a metà. Che spreco, avrei detto in un altro momento. Già che c'ero gli ho regalato anche l'accendino, un Bic mini incapsulato in un portaccendino cromato da quattro euro. Mi ha ringraziato: "Lo farò vedere a tutti quelli che, come te, dopo la visita decideranno di smettere". 

Quest'anno mi sono fatto un bellissimo regalo: ho smesso di fumare

Guardate la mia mano sinistra: c'è la sigaretta accesa, la cenere pendi pendi.
Ci stavo pensando da tempo ma non avevo abbastanza coraggio per farlo. Ero giusto passato dalle Camel celesti alle One.
Alla fine, dopo una visita seria al Brotzu (dottor Paolo Pintus, per chi ha il colesterolo a palla)  ho deciso e l'ho fatto. Mi sono fatto un bellissimo regalo di compleanno: ho smesso di fumare e risparmio così molta salute e molti soldi.

Ci lascia Antonio Cao, scienziato e pediatra. Una figura di primo piano della Sardegna (di c.c.)

Ho saputo ieri sera da Emanuele Sanna della scomparsa del professor Antonio Cao e mi sono molto dispiaciuto. L'ho conosciuto in tutti questi anni: amico e collega di mio padre, pediatra di mia figlia. Ma l'ho conosciuto, anche da giornalista, in occasione di tante sue battaglie civili per una Sanità libera da certe logiche perverse della peggiore politica. La battaglia più famosa quella per evitare l'incorporazione dell'Ospedale Microcitemico (sua creatura, soprattutto) nel Brotzu.

Le catastrofi sono la vera nuova frontiera del turismo imbecille (di Michele Serra - Espresso)

<!-- fine SOMMARIO --><!-- inizio TESTO -->Chi sono i curiosi che vanno a farsi fotografare tra le macerie del terremoto? Una massa di spregevoli imbecilli o una grande opportunità per l'industria del turismo? "Una cosa non esclude l'altra", spiegano i tour-operator, "anzi, gli spregevoli imbecilli sono una parte determinante del nostro target".

Teatro Lirico, il Pd chiede al sindaco che la musica cambi

Con una lettera inviata ieri dal Gruppo consiliare, il Pd riflette sui guai antichi e recenti del teatro lirico e propone al sindaco spunti e idee concrete per cambiare la musica al Teatro lirico.  Le nostre riflessioni, condivise all'interno del gruppo e del partito, nascono anche dal confronto di questi mesi con gli operatori e i sindacati. Confidiamo che vengano prese in seria considerazione e siamo convinti che il sindaco, che è anche presidente del cda del Lirico, le terrà a mente. (c.c.)

UNA NUOVA GOVERNANCE PER IL TEATRO LIRICO

 

Auto elettriche, prendiamo spunto da Quartu

Chi l'ha detto che arrivare secondi è un male? Mentre a Cagliari il Consiglio comunale approva un ordine del giorno per favorire la circolazione delle auto elettriche (il primo limite è la sosta con ricarica), Quartu avvia un micro modello sperimentale: la colonnina fotovoltaica gratis in piazza degli Aranci. Segnali positivi per una mobilità diversa, segnali da cogliere sul serio. (c.c.)

In allegato l'articolo dell'Unione Sarda che dà notizia delle colonnine quartesi

Allegato: