Vittime dei bombardamenti del '43, come vorrei che fossero ricordate (di Claudio Cugusi)


I bombardamenti del '43 io non li ho vissuti ma è come se ci fossi stato: quanti racconti in casa, quanti danni ai cagliaritani e anche alla mia famiglia: la casa di via Manno distrutta, la farmacia in via Lamarmora pure. Conservo ancora una scheggia di una bomba che mi regalò mio padre: era un ragazzino, la prese con sè nella Cagliari bombardata prima di sfollare a Cuglieri, e l'ha custodita per tutto questo tempo, prima di andarsene. Ecco, anche per questo e sulla scorta di un comitato di anziani cagliaritani che sta raccogliendo le firme per il medesimo scopo, ho presentato un ordine del giorno per dedicara la piazza di via Sant'Efisio ai cagliaritani caduti sotto quelle bombe. (c.c.)

ORDINE DEL GIORNO

 
Considerato che
 
Cagliari, medaglia d'oro al valore militare, durante la seconda guerra mondiale è stata dilaniata da violenti bombardamenti aerei che  insistentemente nel 1943, hanno causato tante innocenti vittime civili, distruggendo edifici e monumenti.
Tra le tante strade, via Sant'Efisio all'altezza della Cripta di Santa Restituta (ex rifugio stampacino durante la guerra), è il luogo in cui sono morti tantissimi Cagliaritani durante il bombardamento del 17 febbraio 1943, potrebbe essere la via più adatta per ricordare i caduti.
 
In città, a parte qualche epigrafe commemorativa, non è stata ancora intitolata una strada o una piazza ai Cagliaritani che in quei tragici momenti persero la vita.
 
Ravvisato che
 
Nel mese di febbraio 2012, una serie di incontri pubblici e di conferenze dei cittadini Cagliaritani in collaborazione con il Comune di Cagliari, hanno ricordato quei tragici momenti: sono nati comitati spontanei composti dai parenti delle vittime civili e che, in più occasioni, hanno espresso il desiderio di far intitolare la piazzetta adiacente la Cripta di Santa Restituta alle vittime civili denominandola: "Piazzetta vittime Febbraio 1943";
e che in tal senso, i cittadini, si sono rivolti anche al Sindaco Massimo Zedda e hanno organizzato raccolte di firme.
 
Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta
 
  • a far intitolare alle vittime di guerra la piazza di via Sant'Efisio, all'altezza della Cripta di Santa Restituta (ex rifugio durante la guerra), denominandola: "Piazzetta vittime Febbraio 1943", dando mandato alla competente Commissione e comunque avviando le procedure necessarie.
  • A indire un concordo di idee, in collaborazione con il competente Assessorato, coinvolgendo al tempo stesso le Commissioni consiliari preposte, per realizzare di un monumento ai caduti “vittime civili del 1943” in un luogo-simbolo di Cagliari ad esempio in una piazza: Piazzetta Mundula, Piazza Repubblica, Piazza Palazzo sarebbero forse quelle più indicate.  
 
Claudio Cugusi